Home » Grandi Elettrodomestici » Lavatrici a ingombro ridotto: i modelli consigliati

Lavatrici a ingombro ridotto: i modelli consigliati

Lavatrici per casa piccola
Lavatrici per casa piccola



Quando si deve acquistare una lavatrice si deve fare i conti anche con lo spazio a propria disposizione, purtroppo sempre meno nelle case moderne.
Se abitate in una casa con poco spazio, difficilmente riuscirete a collocare una lavatrice standard, ma per fortuna esistono in commercio molti modelli di lavatrici ad ingombro ridotto. Queste sono generalmente di due tipi: le meno profonde, quindi con frontale identico, ma profondità ridotta rispetto a quelle standard, e le lavatrici con carica dall’alto. In questo articolo approfondiremo la prima “famiglia” di queste lavatrici per spazi ridotti.

Come sono fatte

Osservandole dal lato anteriore dove è presente l’oblò del carico, queste lavatrici sono identiche a quelle di dimensioni standard: infatti la particolarità risiede tutta nella profondità che non supera i 40 cm e spesso si ferma anche a 33 cm. L’oblò  si trova nella posizione classica parte anteriore della lavatrice, così come i comandi e il display. L’oblò è dotato di un’apertura per caricare i panni all’interno: fortunatamente, come vi abbiamo già suggerito, anche se queste lavatrici hanno un ingombro ridotto, in realtà hanno un pieno carico di panni da lavare non così basso, fino a 6/7 Kg. Si può quindi affermare che si riducono le dimensioni, ma non le funzioni, e questa è la chiave del successo di questi modelli, ormai venduti tanto quanto le lavatrici “normali”.

lavatrici ingombro ridotto
Da 40 a 32 cm di profondità: ecco le lavatrici ad ingombro ridotto!

La manopola dei comandi è posta leggermente sopra all’apertura dello sportello dell’oblò: girando a proprio piacimento la manopola è possibile selezionare il programma di lavaggio che si vuole utilizzare. I programmi variano da modello a modello, ma possiamo affermare che in linea di massima si traducono sempre nelle stesse funzioni: lavaggio a mano per un lavaggio più delicato così come quello per pelli sensibili, poi troviamo il lavaggio per la lana in modo che non si infeltrisca, quello per il cotone, i capi scuri, per un carico minimo giornaliero, per la biancheria o, ancora, per i jeans. Ormai la maggior parte delle lavatrici di ultima generazione possono centrifugare fino a 1.200 giri al minuto per ottenere panni quasi del tutto asciutti, non ai livelli di un’asciugatrice, ma quasi.

Accanto ai comandi è presente il display che indica il tipo di lavaggio che si è scelto, illuminando di volta in volta la spia del tipo di centrifuga, della temperatura che si è scelto e del termine del lavaggio. Nella parte opposta al display si trova il cassetto per inserirvi il sapone e l’ammorbidente a seconda del lavaggio richiesto. Le lavatrici odierne ad ingombro ridotto sono tutte in classe A++, per un ottimo risparmio energetico: ovviamente stiamo parlando del lavaggio e del risciacquo, visto che la centrifuga di solito è in classe C.

Ma come funzionano?

Il funzionamento delle lavatrici ad ingombro ridotto è identico a quello delle lavatrici standard. Basta aprire l’oblò centrale, inserire i panni all’interno, caricare il cassetto in alto con il detersivo scelto per il lavaggio e il tipo di lavaggio in base ai panni sporchi da lavare, chiudere l’oblò e spingere il bottone di avvio lavaggio. Un ciclo breve supera di poco la mezz’ora, ma di solito sono lavaggi consigliati per carichi dimezzati come ad esempio per la biancheria, più leggera e meno spaziosa dei altri tipi di panni. Ovviamente prima di procedere al lavaggio la lavatrice dovrà essere posizionata nel luogo prescelto e installata attaccando il tubo dello scarico oltre alla presa di corrente.

I modelli che vi consigliamo

I modelli delle lavatrici ad ingombro ridotto sono tutti molto simili, sia tra loro che con i modelli standard… e infatti orientarsi in un negozio di elettrodomestici non è affatto semplice perchè sembrano davvero tutte uguali e si finisce sempre per usare il prezzo come metro di giudizio, andando a spendere molto pensando di acquistare un modello migliore e più affidabile. Non è così, o almeno non sempre, per questo vi vogliamo suggerire noi dei modelli da acquistare. Sono modelli con un rapporto qualità/prezzo vantaggioso, degli ottimi affari, insomma!

Ecco la nostra selezione di modelli che abbiamo selezionato tra tutti quelli in commercio: trovate il link alla relativa pagina Amazon. Comprare una lavatrice online può sembrare strano, ma in realtà è molto vantaggioso: oltre ad un notevole risparmio, avrete anche una comoda consegna a casa (spesso gratuita!) effettuata da corrieri specializzati in elettrodomestici, anche con consegna al piano tramite appositi montascale.

Beko

Le dimensioni di questa lavatrice sono esattamente quelle che vi abbiamo descritto in precedenza, vale dire 40 cm di profondità, 60 cm di lunghezza e 85 cm di altezza. La lavatrice arriva a contenere fino a 6 Kg di carico ed è progettata in classe A+. La centrifuga, uno dei punti cardinali di ogni lavatrice arriva a 1.200 giri al minuto, quindi, a nostro avviso, altamente funzionale per dare una decisa “strizzata” ai panni prima di metterli ad asciugare. Il colore della lavatrice proposta da Beko è bianca e il suo peso è di 50 Kg. Come la maggior parte delle lavatrici con carico frontale, anche questo modello è dotato di protezione per bambini che non potranno aprire l’oblò né in fase di funzionamento, né da spenta. E’ un modello di marca poco conosciuta, ma di buona qualità.

Hoover

Non cambia molto rispetto alla precedente, visto che le funzioni e la classe energetica sono le stesse. Il carico è aumentato di un chilo, visto che può arrivare a lavare fino a 7 Kg e questo può essere un notevole punto a suo favore. Le dimensioni e il peso sono quelli classici delle lavatrici ad ingombro ridotto, l’unica cosa che cambia è la centrifuga visto che si ferma a 1.000 giri al minuto. L’unico vero neo di questa lavatrice di ottima qualità è che non ha il display che indica quanto manca alla fine del lavaggio, quindi diventa difficile riuscire ad organizzarsi in base al tempo che manca per dover stendere i panni.

Samsung

Le caratteristiche sono le stesse delle due lavatrici precedenti, così come le dimensioni e il peso. Può contenere fino a 6 Kg di panni da lavare e la centrifuga arriva a 1.200 giri al minuto: in questo modo i panni escono quasi asciutti e basterà stenderli solo per qualche ora per averli già pronti. La classe energetica è A++ per un alto risparmio energetico: la centrifuga ovviamente sarà in classe inferiore, di solito C, ma il risparmio alla lunga è ben visibile. Anche se le dimensioni sono ridotte ha la stessa stabilità delle lavatrici standard. A nostro avviso uno dei migliori prodotti della categoria!

Candy

Le dimensiono sono le stesse, mentre il peso arriva a 63 Kg. La centrifuga si ferma a 1000 giri al minuto, sinonimo comunque di panni quasi asciutti dopo il lavaggio. La classe energetica è la A+, mentre si scende alla C in fase di centrifuga. Il carico massimo che è possibile lavare contemporaneamente è di 6 Kg. Un unico neo è che non è presente il display per la visualizzazione del tempo rimanente alla fine del lavaggio, quindi è difficile organizzarsi fino a che non si memorizzano i tempi di lavaggio.

Lavatrici a carica dall’alto

Tra i modelli ad ingombro ridotto annoveriamo anche le lavatrici con carica dall’alto. Queste consentono, oltre a risparmiare spazio in profondità, grazie alla assenza dell’oblò frontale, anche una maggiore facilità di collocazione in spazi angusti; hanno poi due fondamentali vantaggi: usufruire di una capienza normale di cestello ed impiegare una fatica minore nel suo utilizzo. Non sarà necessario infatti abbassarsi per aprire e chiudere l’oblò ed effettuare le normali operazioni di uso di una lavatrice: la schiena gioverà notevolmente della carica dall’alto!

Le loro dimensioni si aggirano normalmente dai 40 ai 45 cm di larghezza e sui 60 di profondità. Vi sono numerosi modelli di questo tipo: si va dalla Candy CTF 1055 alla Indesit WITL 86, dalla Whirpool AWE6539 alla Hotpoint-Ariston ARTL 104 HA. Ci sono infine altre due considerazioni da fare: le lavatrici con carica dall’alto risultano più resistenti e durature rispetto alla carica frontale ma questo, e gli altri vantaggi elencati, hanno come conseguenza un prezzo leggermente più alto rispetto a quelle standard.

Dato che la categoria è interessante, per i consigli sulle lavatrici con carica dall’alto vi rimandiamo all’approfondimento dedicato che a breve scriveremo.


2016-09-05

3 commenti

VUOI SCRIVERE ANCHE TU? A FINE PAGINA TROVI IL MODULO COMMENTI, OPPURE REPLICA AI MESSAGGI
  1. Elena

    Buongiorno, premetto subito che la mia richiesta NON E’ inerente l’elettrodomestico lavatrice, ma Vi chiedo, se è possibile avere consigli sulle ASCIUGATRICI in generale, ed in particolare, se fosse possibile e visto che non trovo commenti e giudizi di alcun genere al riguardo se non di quelli del sito della casa produttrice, della asciugatrice AGENTO della HOUSE TO HOUSE (vendita porta a porta).
    Grazie mille

    • Marco (staff)

      Sicuramente a breve scriveremo un bell’approfondimento anche sulle asciugatrici. La marca che ci indichi non la conosco, ma posso dirti che per me è un No secco a prescindere, dato che proprio non ci piace la vendita porta a porta.

      • Elena

        Grazie mille, terrò monitorato l’argomento.

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)