Migliori caldaie a condensazione

Migliori caldaie condensazione
Con la caldaia a condensazione si potrà avere un'alta efficienza con un ottimo risparmio energentico

In tanti adesso parlano di caldaia a condensazione, della loro efficienza termica e dell’ottimo rendimento termico. Se non siete del mestiere e magari ne avete appena parlato con il vostro idraulico e non avete le idee ben chiare, ecco un’utile guida sulle caldaie a condensazione, come funzionano e perché conviene installarle.

Caldaie a condensazione: cosa sono e come funzionano

Come sono fatte le caldaie a condensazione

La caldaia a condensazione è un dispositivo che genera calore recuperando energia termica proprio dal processo di condensazione. Differiscono dalle altre caldaie tradizionali proprio dal punto dei vista dei fumi di scarico (di metano, gpl o gasolio): questi, a differenza di quelle a camera aperta che rilasciano l’aria verso l’esterno, vengono recuperati e sfruttati di nuovo.

In pratica viene diminuita la dispersione di calore: i fumi di scarico ancora caldi vengono fatti condensare in camera stagna, recuperando calore in eccesso che viene utilizzato per scaldare l’acqua. Infine, grazie all’elettroventilatore posto sulla parte superiore della caldaia, i gas di combustione già utilizzati verranno espulsi verso l’esterno.

Nelle caldaia tradizionali, invece, i fumi di combustione non vengono riutilizzati perché questo procedimento sarebbe corrosivo per le parti interne. Disperdendo il vapore acqueo generato dalla combustione, quindi, nelle normali caldaie si disperde anche l’energia termica accumulata. Ecco spiegato il motivo per cui le caldaie a condensazione sono più efficienti rispetto a quelle tradizionali.

Migliori caldaie condensazione
Con la caldaia a condensazione si potrà avere un’alta efficienza con un ottimo risparmio energetico

Come funzionano le caldaie a condensazione

Le caldaie a condensazione hanno delle serpentine interne che funzionano come scambiatori di calore: in pratica i fumi di scarico vengono fatti passare attraverso le serpentine che condensano il vapore acqueo dei fumi cedendo il calore accumulato. Vale a dire che i fumi vengono riportati dallo stato gassoso a quello liquido e di conseguenza viene liberato il calore latente.

In questo modo all’interno della camera stagna, la temperatura non scenderà mai sotto una determinata soglia e ci sarà solo una minima dispersione di calore. La novità che sta alla base del funzionamento delle caldaie a condensazione sta proprio nei materiali che caratterizzano la camera stagna: grazie alle nuove leghe di acciaio e a quelle di alluminio e silicio, riescono a gestire la condensazione dei fumi e avere anche lunga durata nel tempo.

Nella caldaie tradizionali, invece, c’è una forte dispersione di calore: i fumi di scarico, infatti, vengono espulsi all’esterno e non vengono riutilizzati per creare ulteriore calore. Inoltre la temperatura raggiunta durante la combustione non viene utilizzata solo per il riscaldamento e l’acqua, ma anche per scaldare l’aria nella camera di combustione. In questo modo si ha anche un maggiore consumo.

Inoltre le caldaie a condensazione grazie al loro principio di funzionamento, hanno un impatto ambientale bassissimo, maggiore soltanto ai pannelli solari termici.

Quanto consuma una caldaia a condensazione?

Non è facile capire quanto può consumare una caldaia a condensazione perché ci sono diversi fattori in gioco come il tipo di abitazione, la temperatura esterna e la potenza della caldaia. In linea di massima, comunque, si può risparmiare circa il 35% rispetto ad una caldaia tradizionale, percentuale che può salire fino al 50% nel caso in cui si utilizzino anche i pannelli solari.

Perché acquistare una caldaia a condensazione?

La caldaia a condensazione permette di avere un impatto minore sull’ambiente e soprattutto aiuta ad ottimizzare al meglio i consumi: è per questo motivo che l’Unione Europea cerca di spingere il più possibile verso questa direzione.

Inoltre, ambiente a parte, pur avendo ancora un prezzo superiore rispetto alle caldaie tradizionali, nel tempo permettono un risparmio maggiore. La caldaia a condensazione, darà il massimo grazie ai pannelli radianti che funzionano a temperatura più bassa rispetto ai tradizionali riscaldamenti.

Come usare la caldaia a condensazione

Come installare la caldaia a condensazione

Grazie al suo funzionamento, la caldaia a condensazione può essere installata sia all’esterno che all’interno della casa. A differenza delle tradizionali caldaie, inoltre, occupa un ingombro ridotto perché più piccola e compatta.

Per qualsiasi chiarimento in proposito, però, conviene sempre contattare il proprio tecnico di fiducia.

Come impostare la caldaia

Come si impostano i gradi di una caldaia a condensazione? Il consiglio sarebbe quello di non superare i 20°C: in questo modo si può avere un ambiente ben riscaldato senza dover spendere una follia in bolletta.

Quanto costa una caldaia a condensazione

  • Prezzo caldaia a condensazione: 980,00 € circa, per modelli di fascia media

Il prezzo varia comunque in base a diversi fattori, dalla potenza della caldaia, ai materiali che la caratterizzano e alle tecnologie utilizzate. In linea di massima, infatti, il prezzo finale di una caldaia a condensazione può variare dai 1.000,00 € ai 2.800,00 €.

Migliore caldaia a condensazione più Economica

Scelta Convenienza
Ariston MLN3301120 Caldaia Murale a Condensazione Cares...
  • Rapporto di modulazione 1:4; silenziosa e...
  • Caldaia murale a condensazione AristonCares...
  • Con display mini LCD.Cares Premium si distingue...

Come scegliere la giusta caldaia a condensazione

Ambiente da riscaldare

L’ambiente da riscaldare è certamente una delle prime caratteristiche da valutare prima dell’acquisto di una caldaia a condensazione. Più l’ambiente è ampio e più ci sarà la necessità di avere un impianto potente che riesca a scaldare tutta la casa.

Oltre alle misure dell’abitazione sarà necessario valutare anche il tipo di impianto termico come la presenza o meno di un impianto radiante. E’ bene anche prendere in considerazione le condizioni climatiche, l’isolamento della casa e il numero delle persone presenti che andranno ad utilizzare l’acqua calda.

Potenza della caldaia

La potenza della caldaia, quindi, deve variare in base alla grandezza della casa e al tipo di coibentazione che la caratterizza. In linea di massima la potenza varia dai 18 ai 35 kW: negli appartamenti basta una potenza di 20 kW, mentre per villette indipendenti è meglio salire a 30W.

Oggi in OffertaLa nostra Scelta
Ariston Caldaia a condensazione 24 Kw Matis Condens Plus
  • Scambiatore primario in acciaio inossidabile aisi...
  • Display mini LCD
  • Circolatore ad alta efficienza a modulazione...

Qualità dell’impianto

E’ bene valutare anche la qualità della caldaia e con che materiali è stata realizzata, soprattutto nel caso dello scambiatore che dovrà gestire lo scambio dei fumi e trasformarli da stato gassoso a quello liquido. Molto importante è anche il bruciatore che permette la combustione del gas.

Dove posizionarla

Uno dei vantaggi della caldaia a condensazione è che si può posizionare sia in ambienti interni che esterni. Nel caso in cui aveste dello spazio interno questo è preferibile a quello esterno perché la caldaia è protetta dagli agenti atmosferici e dura molto di più nel tempo.

Inoltre potrete scegliere tra la caldaia da sistemare al muro, più piccola e compatta e adatta ad ambienti di piccole e medie dimensioni e tra la caldaia a basamento, da sistemare in terra, ideale per ambienti di grandi dimensioni.

Classe energetica

Infine conviene prendere in considerazione anche la classe energetica, giusto per capire il consumo della stessa. L’efficienza di una caldaia viene quantificata in base al rendimento di combustione: maggiore sarà questo dato e maggiore sarà il risparmio finale. Le caldaie identificate con 4 stelle sono quelle con un maggiore rendimento e quindi che permettono un maggiore risparmio.

Migliori caldaie a condensazione

La progettazione della caldaia a condensazione si deve al marchio Junkers, che produce modelli alquanto efficienti e potenti. Molto interessanti anche i marchi Beretta e Baxi, seguiti anche da Riello.

1 - Ariston Caldaia a condensazione 24

offerta1° miglior Caldaia Condensazione
Ariston Caldaia a condensazione 24 Kw Matis Condens Plus
  • Scambiatore primario in acciaio inossidabile aisi...
  • Display mini LCD
  • Circolatore ad alta efficienza a modulazione...

2 - Ferroli DivaCondens D Plus 24 -

3 - Ariston MLN3301120 Caldaia Murale a

3° miglior Caldaia Condensazione
Ariston MLN3301120 Caldaia Murale a Condensazione Cares...
  • Rapporto di modulazione 1:4; silenziosa e...
  • Caldaia murale a condensazione AristonCares...
  • Con display mini LCD.Cares Premium si distingue...

4 - CALDAIA A CONDENSAZIONE DIVACONDENS

4° miglior Caldaia Condensazione
CALDAIA A CONDENSAZIONE DIVACONDENS F24 FERROLI
  • CALDAIA A CONDENSAZIONE DIVACONDENS F24 - FEROLI
  • MURALE A METANO - 24 KW
  • PRODUZIONE ACQUA CALDA e RISCALDAMENTO

5 - Caldaia a condensazione Vaillant

6 - CALDAIA A GAS A CONDENSAZIONE

7 - Ariston MLN3301114 Caldaia Murale a

7° miglior Caldaia Condensazione
Ariston MLN3301114 Caldaia Murale a Condensazione Genus One...
  • Nuovo scambiatore XtraTech in acciaio inossidabile...
  • Funzione AUTO, Ignition System controllo...
  • Funzione CARE per remind automatico manutenzione;...

8 - Caldaia A Condensazione Ferroli

8° miglior Caldaia Condensazione
Caldaia A Condensazione Ferroli Divacondens Plus D F24-24kw...
  • Caldaia a condensazione Ferroli Divacondens Plus D...
  • cod. 0CCR4YWA
  • Caldaia Novità 2019. UTILE PER RISCALDAMENTO /...

FAQ sulle caldaie a condensazione

Ci sono bonus per l’acquisto della caldaia a condensazione?

Per l’acquisto di una caldaia a condensazione ci sono alcuni bonus: potrete contare sulla detrazione fiscale del 50% per una caldaia con il massimo del risparmio energetico e sulla detrazione del 65% nel caso ci aggiungiate anche un altro sistema di riscaldamento.

E’ sempre conveniente installare una caldaia a condensazione?

Non sempre conviene acquistare una caldaia a condensazione: nel caso in cui la casa non abbia un buon isolamento termico o radiatori poco adatti o di piccole dimensioni. In questo caso, infatti, la caldaia a condensazione sarebbe obbligata a lavorare con acqua a temperatura elevata, consumando più del dovuto.

Quando non conviene installare una caldaia a condensazione?

Certamente non conviene acquistare una caldaia a condensazione quando si vive in zone molto calde e si richiede soltanto acqua calda che potrete produrre con uno scaldabagno. In alcuni casi, possono essere più conveniente le stufe a pellet.

Autore: Marco R. (Okspot)

Marco R. (Okspot)
Dopo gli studi in ingegneria, Marco Ricca si dedica alla divulgazione web di articoli sulla tecnologia, sui viaggi, sulla finanza e sul futuro. Pubblica il suo primo sito nel 1999, ed è fondatore e autore di Okspot dal 2009. Ogni giorno scrive per condividere le proprie impressioni sulle novità tech del momento: le sue recensioni hanno successo anche su Google, su Amazon e su molte testate giornalistiche Italiane.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.