Migliori Apparecchi acustici

Migliori apparecchi acustici
Per migliorare l'ipoacusia, ecco i migliori apparecchi acustici

I primi apparecchi acustici risalgono ad alcuni secoli fa: si trattava di corna di animale svuotate che inserite delicatamente nel canale uditivo permettevano di incanalare i suoni e migliorare l’ascolto dell’ambiente circostante.

Attualmente la tecnologia ha fatto passi da gigante, tanto che, chi soffre di ipoacusia, può tornare a sentire perfettamente grazie agli apparecchi acustici, dispositivi elettronici in grazie di regolare i toni sonori dell’ambiente. Visto che si tratta di dispositivi in grado di influenzare la qualità della vita delle persone, è bene prestare molta attenzione nella scelta. Ecco, quindi, una guida ai migliori modelli di apparecchi acustici.

Apparecchi acustici: cosa sono e a cosa servono

Cosa sono gli apparecchi acustici

Gli apparecchi acustici sono dispositivi in grado di regolare e trasmettere le vibrazioni sonore amplificate al canale uditivo mediante un altoparlante, permettendo a chi li indossa di sentire perfettamente i suoni e i rumori dell’ambiente circostante.

Le vibrazioni trasmesse arrivano al canale uditivo con un volume più alto di quello reale, in modo che chi soffre di ipoacusia non abbia difficoltà ad ascoltare e sentire. E’ bene capire che gli apparecchi acustici non migliorano l’ipoacusia, ma vi sopperiscono, migliorando così la qualità di vita di chi ne soffre.

Questi apparecchi possono essere utilizzati anche senza il bisogno di effettuare un esame audiometrico, anche se è sempre consigliato conoscere prima la gravità e il livello della propria ipoacusia.

Migliori apparecchi acustici
Per migliorare l’ipoacusia, ecco i migliori apparecchi acustici

Come funziona un apparecchio acustico?

Gli apparecchi acustici funzionano grazie alla presenza di tre componenti:

  • Microfono: sistema di input che serve per captare i suoni esterni e inviarli all’amplificatore
  • Amplificatore: è il sistema che amplifica i suoni, ovvero alza il volume in modo che siano perfettamente percepibili
  • Altoparlante: utile per incanalare i suoni all’interno del canale uditivo

Tipologie di apparecchi acustici

Prima di proseguire, è bene fare una distinzione tra le varie tipologie di apparecchi acustici che in generale si possono dividere in due grandi categorie: gli apparecchi retroauricolari e quello endoauricolari. Vediamo la differenza.

Gli apparecchi retroauricolari hanno una dimensione maggiore rispetto agli altri, tanto che le componenti sono da posizionare all’esterno del canale uditivo, dietro l’orecchio. Di questa categoria fanno parte due tipologie di apparecchi:

  • Retroauricolari BTE

L’apparecchio si appoggia dietro l’orecchio esterno e attraverso un tubicino, il suono viene portato all’interno del canale uditivo. Sono dispositivi moderni e abbastanza discreti. Consigliati per chi ha un deficit grave o moderato. Esiste anche il modello con dimensioni ridotte, ideale anche per i bambini.

  • Retroauricolari RIC

La differenza risiede nella collocazione dell’altoparlante che invece di trovarsi insieme a microfono e amplificatore, si trova nel condotto uditivo esterno, nei pressi del timpano. Sono leggermente più piccoli del modello precedente e sono adatti per chi ha una deficienza moderata.

Passiamo adesso agli apparecchi acustici endoauricolari che si inserisce all’interno del condotto uditivo: tutte e tre le componenti sono inserite all’interno del dispositivo, senza fili o tubicini aggiuntivi. Ecco le diverse tipologie:

  • Endoauricolari ITE

Si tratta di auricolari creati su misura per il padiglione auricolare del paziente: una volta sistemato in loco, quindi ha una buona stabilità. Perfetto per tutte quelle persone che hanno una vita molto attiva e non vogliono essere limitati dall’auricolare. Consigliato per difetti lievi o moderati.

  • Endoauricolari CIC

Si tratta di apparecchi acustici che si inseriscono nel condotto uditivo esterno, ma nella parte prima dei timpani. Sono davvero poco visibili: dall’esterno dell’orecchio fuoriesce solo un piccolo tubicino trasparente che serve per toglierlo per manutenzione o cambio delle batterie. E’ consigliato soprattutto per i giovani che hanno maggiore manualità nel metterlo e toglierlo.

  • Endoauricolari IIC

Si tratta degli apparecchi più discreti e meno visibili, in quanto sono inseriti in profondità nel canale uditivo. Sono adatti per chi ha un deficit non troppo grave.

Tra tutti queste tipologie di auricolari, ci sono anche modelli con tecnologia Bluetooth, adatti per connettersi con telefoni, computer o televisori: in questo modo sarà possibile rispondere alle chiamate direttamente dagli apparecchi, ascoltare la televisione, ecc… .

Come si usano gli apparecchi acustici

Cos’è l’ipoacusia

Con il termine ipoacusia si intende un problema all’udito che influenza l’ascolto di suoni, parole e rumori. E di tutto ciò che avviene nell’ambiente circostante. Questo problema interessa soprattutto le persone anziane, ma ci possono essere anche persone più giovani che ne soffrono.

E’ possibile avere una leggera perdita in un orecchio, oppure avere un deficit grave su entrambe. Dopo un accurato esame audiometrico, si dovrà prendere in considerazione l’utilizzo di un apparecchio acustico quando si ha una perdita superiore a 40dB sulle frequenze centrali.

Come usare bene gli apparecchi acustici

Una volta scelto il proprio apparecchio acustico, è necessario prestare particolare attenzione al suo utilizzo. Ogni apparecchio è dotato di alcuni settaggi che permettono di regolare alcuni dati come il volume o influenzare la riduzione dei rumori provenienti dall’ambiente circostante.

Una volta eseguite alcune prove per capire quali sono i settaggi giusti, si può inserire l’apparecchio nel proprio alloggiamento. E’ molto importante sistemare bene l’apparecchio nel padiglione auricolare: corretto è il posizionamento e migliore sarà la qualità dell’ascolto. Nel caso in cui la batteria si scarichi, sarà necessario togliere l’apparecchio e metterlo in carica: potrete anche provare la durata della batteria, indossandolo continuamente per testare l’autonomia.

Quanto costano gli apparecchi acustici

Il costo degli apparecchi acustici varia davvero molto: i fattori che influenzano il prezzo sono diversi, dalla tipologia dell’apparecchio, se ci sono batteria aggiuntive di ricarica, la comodità e la facilità di utilizzo.

In linea di massima, per un paio di apparecchi acustici economici, si spendono meno di 80,00 €, mentre se si opta per una tipologia a scomparsa dentro il padiglione auricolare, allora il prezzo può salire anche fino a 300,00 €. Se si ricorre, invece, a modelli di marche conosciute, il prezzo supera di gran lunga le 1.000,00 €.

Migliori apparecchi acustici più Economici

Oggi in OffertaScelta Convenienza
Beurer HA 20 Amplificatore Acustico
  • Amplificatore acustico dalla forma ergonomica per...
  • Il volume dei suoni negli ambienti chiusi e...
  • Con volume a regolazione graduale e riproduzione...

Come scegliere gli apparecchi acustici

Anche se della tipologia abbiamo già parlato, ecco quali altre caratteristiche occorre prendere in considerazione per scegliere gli apparecchi acustici giusti per le proprie esigenze.

Microfoni direzionali

Si tratta di una particolare tipologia di microfoni che permettono di direzionare l’ascolto in modo da capire bene da dove provengono i rumori e i suoni. Ad esempio, quando si interagisce con più persone, la voce di ogni persona giunge all’orecchio ben scandita e definita rispetto alle altre, garantendo anche una migliore capacità di interazione.

Ricarica e batteria

Le funzionalità presenti negli apparecchi acustici variano da modello a modello, ma ce ne sono alcune davvero imprescindibili. E’, infatti, necessario controllare i tempi di ricarica: alcuni modelli caricano in pochissimo tempo, mentre altri impiegano anche una notte. In questo caso è necessario calibrare bene i momenti da dedicare alla ricarica.

Di pari passo alla ricarica, è necessario controllare la durata della batteria: ci sono modelli che hanno una buona autonomia e altri che necessitano di una ricarica più frequente.

Connettività e app

Alcuni modelli sono dotati di connettività Bluetooth, per essere subito connessi con i dispositivi che si desidera utilizzare come il tablet, lo smartphone, ma anche la televisione e il computer. I comandi e la gestione degli apparecchi acustici non avviene solo in loco, ma si possono gestire anche attraverso le app dedicate.

Accessori

Insieme agli apparecchi acustici, in alcuni casi ci sono dei componenti aggiuntivi che permettono di migliorare la gestione del dispositivo come i kit di pulizia e gli accessori per deumidificarli quando non utilizzati.

Migliori apparecchi acustici

Tra i migliori apparecchi acustici ci sono certamente quelli della Amplifon che potete trovare nei centri specializzati. Ma se avete fretta e volete acquistare online (spendendo anche meno), è possibile optare per marche valide, ma leggermente meno costose e facilmente reperibili come Polaroid, Beurer e Medca.

Va detto che, grazie ai progressi della tecnologia, vanno tutti piuttosto bene.

1 - Beurer HA 20 Amplificatore Acustico

offerta1° miglior Apparecchi Acustici
Beurer HA 20 Amplificatore Acustico
  • Amplificatore acustico dalla forma ergonomica per...
  • Il volume dei suoni negli ambienti chiusi e...
  • Con volume a regolazione graduale e riproduzione...

2 - Amplificatore del suono dietro

2° miglior Apparecchi Acustici
Amplificatore del suono dietro l'orecchio Audioactive -...
  • 【PRESTAZIONI SENZA PARI】 Audioactive offre un...
  • 【DESIGN ULTIMATO】 Questo amplificatore...
  • 【BATTERIA RICARICABILE】 Il nostro...

3 - MEDca Premium Active Modello

3° miglior Apparecchi Acustici
MEDca Premium Active Modello "JH-339G" per sport e attività...
  • OGGETTI MEDCA CONFORTEVOLI: MEDca ha un marchio...
  • DESIGN: Progettati in modo intelligente, i...
  • INDOSSARE COMODO: Compatto e leggero. Non avere...

4 - Amplificatore Acustico Micro,

4° miglior Apparecchi Acustici
Amplificatore Acustico Micro, Amplificatore Audio Auricolare...
  • ✔ Vogliamo che torni al suono di godersi la vita...
  • ✔ DESIGN ERGONOMICO: design elegante, sembra...
  • ✔ Comfort: potresti provare disagio durante il...

5 - Beurer HA 50 Amplificatore Acustico

offerta5° miglior Apparecchi Acustici
Beurer HA 50 Amplificatore Acustico
  • Amplificatore acustico dalla forma ergonomica per...
  • Il volume dei suoni negli ambienti chiusi e...
  • Con volume a regolazione graduale e riproduzione...

6 - Amplificatore audio ricaricabile

6° miglior Apparecchi Acustici
Amplificatore audio ricaricabile per anziani, amplificatori...
  • Il doppio microfono migliora la posizione del...
  • Il dispositivo può utilizzare almeno 10 ore e la...
  • Due modalità: 1-Modalità normale; 2-Modalità di...

7 - Dpofirs Amplificatore Audio a

7° miglior Apparecchi Acustici
Dpofirs Amplificatore Audio a Doppio Orecchio con Volume...
  • Ricaricabile, non è necessario sostituire la...
  • Sfrutta appieno la struttura dell'orecchio per...
  • Funzione: miglioramento del suono, isolamento...

8 - Beurer HA 85 Set 2 Amplificatori

offerta8° miglior Apparecchi Acustici
Beurer HA 85 Set 2 Amplificatori Acustici Digitali, Suono...
  • Suono chiaro grazie alla tecnologia RIC (con...
  • Piccolo e discreto, forma ergonomica per una...
  • Aumenta il volume di tutti i suoni in ambienti...

FAQ sugli apparecchi acustici

Chi ha diritto agli apparecchi acustici gratuiti?

Gli apparecchi acustici possono essere ottenuti gratuitamente dopo aver fatto richiesta per cause invalidanti. Tra le categorie ci sono gli invalidi civili, tra le cui patologie ci sia l’ipoacusia, gli invalidi al 100%, i minori e gli invalidi del lavoro.

Quanto durano gli apparecchi acustici?

Meglio vengono gestiti e più lunga sarà la loro vita e un adeguato funzionamento nel tempo. E’ importante, ad esempio, riporli in luoghi asciutti e non umidi, spegnerli se non utilizzati, evitare di spruzzarci sopra lacca o gel per capelli, e provvedere alla pulizia periodica.

Autore: Marco R. (Okspot)

Marco R. (Okspot)
Dopo gli studi in ingegneria, Marco Ricca si dedica alla divulgazione web di articoli sulla tecnologia, sui viaggi, sulla finanza e sul futuro. Pubblica il suo primo sito nel 1999, ed è fondatore e autore di Okspot dal 2009. Ogni giorno scrive per condividere le proprie impressioni sulle novità tech del momento: le sue recensioni hanno successo anche su Google, su Amazon e su molte testate giornalistiche Italiane.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.