Come usare (bene) l’Epilatore a luce pulsata

Epilatore a luce pulsata: come usare in sicurezza
Epilatore a luce pulsata: i consigli su come usarlo si basano prima di tutto sulla sicurezza

Gli epilatori a luce pulsata promettono dei risultati permanenti per quanto riguarda l’eliminazione dei peli superflui. Niente più sessioni dall’estetista per le dolorose cerette o pelle secca dovuta alla lametta. Metodi su metodi e sembra che non ci sia mai quello giusto: gli epilatori, invece, non sono solo il metodo giusto, ma risolvono il problema alla radice. Nel vero senso della parola: il pelo viene bruciato alla radice in modo che ricresca più lentamente e che, poi, sparisca del tutto.

Se fino a poco tempo fa questa tecnica era appannaggio soltanto di centri specializzati e professionisti, adesso, grazie agli epilatori di luce pulsata domestici è possibile intervenire direttamente e comodamente a casa propria.

Tutto bene, ma come si usano questi epilatori? Sono facili da usare? Quali sono le cose da fare per ottenere un risultato ottimale e quelle che, invece, non vanno mai fatte e sono da evitare? Eccole.

Guida all’uso dell’Epilatore IPL, in 5 step

Usare l’epilatore è molto semplice, ma come abbiamo detto, è necessario seguire alcuni accorgimenti per usarlo bene e soprattutto in tutta sicurezza. La prima cosa importante da fare è assicurarsi di aver acquistato un modello, che abbia caratteristiche adeguate alla propria pelle, e che soprattutto abbia le giuste dotazioni di sicurezza: per questo abbiamo scritto una completa guida ai migliori epilatori a luce pulsata nella quale trovate le recensioni dei modelli del momento.

Vediamo pochi semplici step che vi aiuteranno ad ottenere dei risultati soddisfacenti solo dopo poche sedute.

Come usare epilatore a Luce pulsata
In questa nostra infografica, una guida a colpo d’occhio su come usare correttamente un Epilatore a Luce pulsata

Step 1 – Radersi

Per prima cosa occorre radersi bene la parte che si vuole sottoporre al fascio di luce.

Se avete una pelle molto grassa o peli abbastanza spessi, è bene sottoporsi ad uno scrub della pelle, in modo da ammorbidirne lo strato superficiale e permettere all’epilatore un trattamento più efficace. E’ importante che la pelle sia ben asciutta prima di passarci l’apparecchio e che non ci sia uno strato di crema per il corpo.

Step 2 – Scegliere la testina adeguata

Molti epilatori forniscono più testine con finestre di applicazione con superfici diverse, da cambiare a seconda della zona del corpo che si deve trattare. Ad esempio le testine standard, più ampie sono adatte per le gambe, mentre quelle più piccole sono adatte per le rifiniture e per applicare il trattamento in zone precise come il mento, il contorno viso o l’inguine.

Step 3 – Valutare la tonalità della pelle

Alcuni modelli di epilatori, che consigliamo nonostante il maggior prezzo, hanno dei sensori che valutano automaticamente la tonalità della pelle. Dopo la valutazione, velocissima, l’epilatore andrà a suggerire il livello di potenza ottimale (come nei Philips) o, meglio ancora, andrà a settare automaticamente il livello giusto per ogni lampo (sui Braun è così).
In caso di pelli molto scure o di peli molto chiare, nelle quali non si crea il contrasto di colore tra pelle e peli, non emetterà la luce.

Ovviamente anche questa funzione è appannaggio solo dei modelli top, ecco perché vi suggeriamo di non risparmiare su questo tipo di prodotti.

In ogni caso, qualsiasi sia il vostro modello, la prima cosa che vi consigliamo al primo trattamento è quella di provare con intensità minima su una piccola parte del corpo. Dopo un paio di giorni, se non avrete alcun tipo di reazione o di arrossamento, potrete procedere all’epilazione di tutto il corpo o delle parti interessate.

Step 4 – Capire dove si è già emessa la luce pulsata

Ecco arrivato il momento vero e proprio dell’epilazione: alcuni modelli, come quelli della Braun, danno la possibilità di trattare le aree estese con fasci di luce ripetuti, mentre la maggior parte dei modelli emettono un solo fascio di luce singolo.

E’ importante capire dov’è che il fascio di luce è già stato emesso in modo sia da coprire tutte le arre desiderate per un trattamento ottimale, sia per vitare di passare due volte sulla solita porzione di pelle causando arrossamenti o spiacevoli reazioni. La sensazione non è completamente indolore, anche se varia da persona a persona. Si può avvertire, infatti, un lieve formicolio e una brevissima sensazione di calore che sparisce in pochissimi secondi.

Step 5 – Ripetere con costanza il trattamento

Per vedere i primi risultati (peli che ricrescono più lentamente o che non ricrescono affatto) è necessario attendere qualche seduta. Ovviamente il risultato intermedio e soprattutto quello finale, cambia anche a seconda dei modelli, della loro potenza e della superficie di applicazione.

Comunque, dopo già tre o quattro applicazioni, nelle zone dove il pelo è più fine, si può notare una ricrescita decisamente più lenta: diverso il discorso con i peli più spessi che richiederanno qualche applicazione in più per mostrare i primi risultati.
In linea di massima, il periodo di applicazione massimo per quanto riguarda la prima fase, è di circa 12 – 16 settimane: entro questo termine dovrete vedere il risultato finale. Nel caso in cui i peli continuino a ricrescere, sarà possibile effettuare dei trattamenti con frequenza di uno al mese o due mesi.

Tutto questo per dire che, per ottenere dei buoni risultati, ed una epilazione che si avvicina a quella definitiva, occorrono costanza e pazienza. L’epilatore IPL funziona, ma non fa miracoli.

Epilatore a Luce Pulsata: sicurezza e controindicazioni

Passiamo, adesso, alle accortezze da seguire per scongiurare danni o fastidi, soprattutto nel caso degli occhi: la luce pulsata è fortissima, un lampo davvero accecante, quindi è bene non sottovalutare mai gli aspetti legati alla sicurezza. Iniziamo la nostra rassegna sulla sicurezza con i sensori (e gli accorgimenti) pensati per proteggere gli occhi e la vista, e successivamente passiamo ai sensori che, invece, si occupano della pelle.

Epilatore a luce pulsata: come usare in sicurezza
Epilatore a luce pulsata: i consigli su come usarlo si basano prima di tutto sulla sicurezza

IPL e sicurezza per gli occhi

Per prima cosa vi diciamo che gli epilatori a luce pulsata si possono usare sul viso, ma non vicino agli occhi perché il fascio di luce emesso è davvero accecante e può causare danni alla vista. Non è un caso, infatti, che vendano degli occhiali specifici da indossare durante il trattamento che schermano e proteggono dalla luce che filtra durante l’applicazione, ma che comunque non sono una protezione assoluta da eventuali fasci di luce diretti, emessi accidentalmente. Pur chiudendo gli occhi, infatti, la luce emessa dall’epilatore viene percepita dagli occhi.

Vi consigliamo, quindi, soprattutto se siete molto sensibili agli occhi, di acquistare un paio di occhiali specifici per luce IPL, da utilizzare durante ogni trattamento.

Fortunatamente, comunque, ci sono dei modelli di epilatore (che ovviamente vi consigliamo) dotati di appositi sensori che evitano che si possa emettere un fascio di luce accidentale quando l’epilatore non è a contatto con la pelle. Il modello top per quanto riguarda i sensori di sicurezza è certamente Braun Silk Expert, dotato di ben due sensori in grado di valutare quando l’apparecchio è ben a contatto con la pelle: potrete schiacciare il tasto della luce, ma tanto, l’epilatore non la emetterà. Ci piace anche il modello Philips Lumea, in grado di effettuare la stessa valutazione, ma con un sensore solo: capirete, quindi, che il modello della Braun è più sicuro e preciso.

Nel caso il vostro dispositivo sia sprovvisto di questo sensore, state molto attenti a non emettere fasci di luce quando l’epilatore non è a contatto sulla pelle.

Con tutti i modelli, badate bene anche a non togliere l’epilatore dalla pelle appena avete premuto il tasto della luce: in questo caso, infatti, l’efficacia dei sensori non sarà comunque valsa a nulla perché la luce verrà emessa, ma sarete in grado di vederla in quanto l’apparecchio sarà staccato dalla pelle.

IPL e sicurezza per la pelle

Passiamo adesso, ai sensori di sicurezza delle pelle, altrettanto importanti perché possono evitare scottature e fastidi. A tal proposito una delle caratteristiche più importanti degli epilatori è proprio la presenza di sensori in grado di valutare la tonalità della pelle e/o del contrasto con i peli. Questi possono avere due funzioni: di regolazione dell’intensità e/o di blocco di sicurezza in caso di determinati tipi di pelle.

E’ necessario, infatti, per un buon funzionamento che ci sia un buon contrasto di colore tra la tonalità della pelle e quella dei peli. I risultati ottimali, infatti, si ottengono per pelli molto chiare e peli molto scuri a contrasto: in questo caso, l’apparecchio potrà emettere un fascio di luce intenso e potente. In caso contrario, il fascio di luce sarà rapido e veloce. Con pelle troppo scura, non ci sarà del tutto visto che assorbendo più luce durante il trattamento, l’apparecchio potrebbe provocare fastidi o arrossamenti.

Su pelli molto scure o, al contrario per peli molto chiari, l’epilatore luce pulsata non funzionerà e non emetterà alcuna luce in quanto non sarà presente il contrasto cromatico tra pelle e peli.

Fortunatamente questa valutazione viene fatta in automatico da tanti modelli, ma non da tutti: alcuni, come Braun, addirittura valutano la tonalità della pelle molte volte il secondo durante l’applicazione.

Una volta che l’apparecchio avrà valutato la tonalità della pelle, si andrà a regolare l’intensità della luce in base ai valori indicati: Philips e altri modelli hanno infatti 5 o più step di regolazione manuale di intensità del fascio di luce, utile anche per avere un’azione più leggera e meno potente quando si andranno a trattare le aree più sensibili come l’inguine o il viso.

Noi preferiamo gli epilatori Braun che hanno questa regolazione completamente automatica, in aggiunta a quella manuale, anche nei modelli base! Ne parliamo meglio nella nostra rassegna sui migliori epilatori a luce pulsata.

Notate che gli epilatori IPL economici e “cinesi”, non hanno alcuna regolazione, ne sensore di sicurezza. Attenzione!

Cose da NON fare con l’epilatore a luce pulsata

La presenza dei sensori vi darà di certo un’aiuto per agire in tutta sicurezza, ma ci sono comunque delle accortezze da seguire per evitare arrossamenti o fastidi sulla pelle.

Prima vi ribadiamo una cosa da fare: è bene aver depilato bene tutta la zona, con lametta o altri sistemi (a proposito, avete letto la nostra guida ai sistemi di depilazione?). I peli lunghi, infatti, se epilati con la luce pulsata, possono far avvertire una forte sensazione di bruciatura e di piccolo “pizzicotto”. Inoltre, sappiate che il fascio di luce deve agire all’interno della radice: è lì che il pelo deve essere bruciato e non all’esterno.

Riassumendo, ecco le cose importanti da non fare:

  • Non usare l’epilatore nel caso di peli troppo spessi e grossi
  • Non usare l’epilatore sul viso maschile o per epilazione di peli spessi maschili
  • Non utilizzare l’apparecchio su macchie scure della pelle: nei o voglie è bene coprirli con appositi stick o matita
  • Non utilizzare l’epilatore su tatuaggi o su trucco permanente
  • Non utilizzarlo in gravidanza e su minori di 16 anni

Sono poche e semplici accortezze che vi aiuteranno ad agire in tutta sicurezza durante i trattamenti in programma con gli epilatori a luce pulsata. Non abbassate mai la guardia, soprattutto quando andrete a trattare zone delicate o con tatuaggi e cicatrici.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)