Home » Tablet » Ultrabook Asus Vivobook: recensione e opinione

Ultrabook Asus Vivobook: recensione e opinione

Il design azzeccato di Asus Vivobook
Il design azzeccato di Asus Vivobook


Ce lo si è chiesti molto spesso negli ultimi tempi, scandagliando quelle che sono le prospettive future del mercato tecnologico: quali sono le sorti dei computer portatili, soprattutto se rapportate allo sviluppo che stanno facendo registrare i tablet?
Asus è una delle aziende che maggiormente ha risentito del cambio generazionale tra quelli che erano i cosiddetti netbook, computer portatili piccoli, pratici e maneggevoli, per quanto limitati nelle prestazioni hardware, ed i tablet, che hanno sparigliato il mercato grazie alla loro praticità e maggiore capacità performante.

Il design azzeccato di Asus Vivobook
Il design azzeccato di Asus Vivobook

Proprio Asus prova però a fornire un’alternativa a coloro che alla tastiera e alla forma classica del portatile proprio non sanno rinunciare. Asus Vivobook si presenta come quelli che al momento vengono definiti Ultrabook, ovvero computer portatili spesso estremamente sottili ed accattivanti nel design, che provano a coniugare la maneggevolezza di un tablet con le comodità “solide” di un notebook. Con Vivobook Asus prova a ricollocare sul mercato la categoria degli Ultrabook, che spesso si erano piazzati in fasce di prezzo troppo elevate, e questo ne aveva notevolmente frenato il potenziale successo commerciale.

Alla prova d’utilizzo, pregi e difetti iniziano a sovrapporsi, e la prima cosa da dire è che Asus Vivobook presenta quei pro e contro tipici dei cosiddetti prodotti ibridi. Non si tratta di un tablet e in fondo non si tratta neppure di un Ultrabook, visto che rispetto a questa categoria di prodotti si presenta sicuramente più spesso e voluminoso, anche se come detto il design strizza decisamente l’occhio alle linee proposte dai tablet negli ultimi anni. La novità però è che lo schermo da 11,6 pollici, con una definizione da 1.366 per 768 pixel, può essere anche utilizzato come un vero e proprio touch-screen. Una funzionalità che oltre ad esaltare quelle che sono le caratteristiche del nuovo sistema operativo Windows 8, riesce anche a portare Asus Vivobook a metà del guado tra Ultrabook e Tablet.

Il problema è che le specifiche tecniche non soddisfano appieno chi, senza voler rinunciare del tutto alla praticità e allo stile estetico di un tablet, vuole comunque fare affidamento su un device più potente e solido a livello di hardware, come ci si aspetterebbe da un computer portatile. E così va sottolineato come 500 Gigabye di capacità di stoccaggio dati ed una Ram da 4GB sono sicuramente affidabili per chi cerca una via di mezzo dalle soluzioni che abbiamo appena illustrato, ma non rappresentano di certo una configurazione definitiva soprattutto per chi si rivolge ad un dispositivo come questo per esigenze professionali e lavorative. Inoltre, non va dimenticato come rispetto ad un tablet si perda anche la possibilità di generare buoni prodotti audio/video, in quanto la fotocamera da 1,3 megapixel non è all’altezza rispetto a quelle delle tavolette elettroniche di ultima generazione.

Detto questo, di contro va detto però che il prezzo può essere senz’altro considerato un punto a favore per Asus Vivobook, che può essere acquistato per 500,00 € Iva compresa, decisamente un costo di fascia medio bassa per un dispositivo con queste caratteristiche.

Concludendo, Asus Vivobook può essere dunque una soluzione interessante per chi cerca uno stile da tablet in un computer portatile, considerando comunque che le specifiche tecniche sopra citate sono certamente più performanti rispetto ad una tavoletta, anche grazie al processore Intel Core Ivy Bridge a 1,8 Gigahertz. Una soluzione però intermedia che non sembra ancora riuscire in pieno a centrare l’obiettivo di un ricollocamento generale di un prodotto come gli Ultrabook sul mercato.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)