Saturimetro: serve davvero? Come funziona

Saturimetro migliori
Saturimetro: i modelli giusti per controllare il livello di ossigeno nel sangue

Il saturimetro, o “pulsossimetro”, è un piccolo apparecchio medico che serve per misurare il grado di saturazione nel sangue. Per saturazione si intende la quantità di ossigeno presente nel sangue.

E’ uno strumento non invasivo di comune utilizzo negli ospedali, negli ambulatori e nelle case di risposo, ma che si può utilizzare facilmente anche a casa ogni volta che ci sia da monitorare il valore della saturazione per problematiche o patologie legate ai livelli di ossigenazione, come malattie polmonari (anche croniche), asma bronchiale o patologie cardiache. E si, può anche essere utile per misurare eventuali effetti del Coronavirus – Covid-19 (ne parliamo meglio di seguito).

In condizioni di piena salute può essere utilizzato per controllare il livello di ossigeno nel sangue in caso di allenamento, ad esempio in altura o per semplici escursioni in montagna.

Saturimetro: cos’è e come funziona

A cosa serve la saturazione

Attraverso i livelli di saturazione è possibile conoscere la quantità di ossigeno presente nel sangue (globuli rossi), ovvero se i polmoni riescono ad assumere la giusta quantità di ossigeno dall’aria che si respira.

Come fa il saturimetro a calcolare l’ossigeno nel sangue?

Il principio di funzionamento del saturimetro è abbastanza semplice: una sonda effettua la misurazione mentre viene visualizzato il risultato attraverso una piccola unità di calcolo con display incorporato.

Quando si parla di sonda in realtà si fa riferimento ad una pinza contenente due diodi e una fotocellula che riceve la luce emessa dai diodi. L’ossigeno nel sangue viene così misurato perché l’emoglobina legata assorbe la luce solo in alcune lunghezze d’onda. La differenza tra la luce rossa e quella infrarossa emessa dai diodi significherà rispettivamente la differenza tra l’emoglobina non legata all’ossigeno e quella, invece, legata che assorbe soprattutto luce infrarossa.

La pinzetta dell’apparecchio viene applicata alla parte terminale del dito, al lobo dell’orecchio o al polso: tutte zone non invasive, utili per questa misurazione. Nessuna puntura, quindi!  E nessuna controindicazione.

Saturimetro: scambio Sangue Ossigeno
Ecco come funziona l’apparato respiratorio e lo scambio tra il sangue e l’ossigeno

Tipologie di saturimetro

  • Saturimetro da dito: paragonabile ad un dispositivo medico, anche se non professionale, questi modelli di saturimetro permettono di visualizzare il valore di ossigeno nel sangue (SPO2), il valore PR, il grafico a barre dell’andamento dell’ossigeno, l’indice di perfusione, la forma dell’impulso e i parametri di monitoraggio della frequenza respiratoria e del sonno. Sono dotati di uno schermo che permette di visualizzare i risultati modalità diverse. Sono facili da usare, di dimensioni ridotte, leggeri e facile da portare sempre con sé.
  • Saturimetro da polso: questi modelli permettono la misurazione della saturazione attraverso il polso. Monitorano la saturazione e la frequenza cardiaca. Consigliati per chi vuole controllare eventuali dispnee notturne: grazie al confortevole sensore fatto ad anello si possono indossare comodamente anche la notte. Sono dotati di un allarme intelligente che aiuta a prevenire eventuali carenze di ossigeno dovute a dispnea. Alcuni modelli sono dotati anche di app da poter scaricare dove poter sistemare tutti i dati delle registrazioni avvenute.
  • Saturimetro da lobo: sono modelli di saturimetro di facile uso. Viene misurata, attraverso il lobo dell’orecchio, sia la pressione sanguigna che il livello di ossigeno nel sangue. Il display presente in quasi tutti i modelli mostra i livelli registrati, la frequenza del polso e la sua intensità. Sono leggeri e perfetti da portarsi dietro. Consigliato anche per gli amanti dello sport che potranno controllarsi in ogni momento.

A cosa serve il saturimetro?

Valutando istantaneamente la saturazione di ossigeno nel sangue, il saturimetro può aiutare a prevenire patologie respiratorie e, soprattutto, il loro aggravarsi.

Sul display di questo apparecchio, infatti, si possono visualizzare alcuni dati come, ad esempio, il grado di saturazione, la frequenza cardiaca e l’andamento e l’intensità della pulsazione cardiaca che aiutano a valutare la funzionalità respiratoria della persona monitorando in tempo reale l’aggravarsi o meno di patologie croniche come bronchite, asma, polmonite, causate o meno da agenti inquinanti esterni come fumo o inquinamento ambientale.

Alcuni modelli permettono di archiviare i dati in modo da poterli confrontare di volta in volta e di avere una panoramica istantanea sull’andamento della salute del paziente.

Come si usa il saturimetro

Il saturimetro è uno strumento che si può usare facilmente anche a casa e non occorrono particolari accorgimenti in proposito. In effetti, l’operazione di misurazione del livello di ossigeno è assai più semplice e pratica, ad esempio, della misurazione della pressione che richiede qualche accortezza in più.

Quindi, basterà controllare che lo strumento sia acceso e in caso contrario procedere con l’accensione, posizionare la sonda dove richiesto (polso, lobo o dito), dare l’avvio e attendere la misurazione che verrà mostrata sul display. Quando si misura attraverso il dito è necessario accertarsi che le dita siano calde: in questo modo si evitano valori falsamente bassi.

Saturimetro migliori
Saturimetro: i modelli giusti per controllare il livello di ossigeno nel sangue

Come si legge il saturimetro

Alla fine della misurazione troverete due o tre valori sul display, a seconda del modello:

  • SpO2: è il livello di saturazione dell’ossigeno nel sangue
  • bpmPR: battiti per minuto, ovvero la frequenza cardiaca
  • PI: indice di perfusione, ovvero quanto è avvenuta una precisa e corretta misurazione (l’indice deve essere superiore a 4)

Ma tra questi tre, qual è quello a cui va fatto riferimento? Il valore più importante sarà il primo, ovvero SpO2. Vediamo nel prossimo paragrafo quali sono i valori ottimali e quelli, invece, che richiedono un veloce intervento del personale sanitario.

Valori del Saturimetro: quali sono quelli ottimali?

I risultati mostrati sul display in tempo reale possono essere letti in modo molto semplice seguendo questo schema:

  • Valori superiori al 96% fino al 100% sono considerati normali
  • Valori compresi tra il 95% e il 93% possono indicare una situazione di parziale assenza di ossigeno, ma che di solito sono presenti in persone con patologie già conclamate
  • Valori compresi tra il 92% e il 90% indicano un livello di ossigenazione che inizia ad essere insufficiente
  • Valori inferiori al 90% indicano una situazione di deficienza grave e si rende necessario rivolgersi tempestivamente ad un medico

Alcune persone che soffrono di patologie croniche hanno normalmente valori di ossigenazione inferiori al 90%.

Saturimetro, come funziona
Ecco come leggere i valori del saturimetro mostrati sul display

Saturimetro e Covid-19: è utile?

Non solo mascherine! Sempre più spesso si sente parlare di saturimetro / pulsiossimetro associandolo al Coronavirus: questo accade perché, come è noto, il virus va ad incidere sul normale andamento del sistema respiratorio causando in alcuni casi una grave forma di polmonite interstiziale.

Attraverso il saturimento professionale e non, è possibile monitorare il livello del sangue in modo da individuare tempestivamente la comparsa di un’eventuale dispnea, vale a dire una forte difficoltà respiratoria.

Dato che ci sono diverse forme di insufficienza respiratoria, tra cui una della più gravi in tal senso è proprio la dispnea, con il saturimetro è possibile controllare anche una eventuale precoce riduzione del livello di ossigeno nel sangue, prima che questa sfoci in qualcosa di più serio.

Non è certo affidabile come il test del tampone, né ci dice niente sulle cause dell’eventuale insufficienza respiratoria, ma in caso di emergenza è comunque un’arma in più, utile soprattutto per tranquillizzarsi in caso di valori nella norma.

Quanto costa il Saturimetro?

Il saturimetro da casa non è un oggetto caro e il prezzo oscilla di poco proprio perché si tratta di un apparecchio non professionale. Di solito il suo prezzo si aggira intorno alle 25,00 € – 40,00 €.

Il Saturimetro più economico

Scelta Convenienza
Goeco Pulsossimetro da Dito, Saturimetro Dito Portatile, con...
  • 【Accurato e affidabile】 Utilizzando chip per...
  • 【Display OLED multidirezionale luminoso】 Il...
  • 【Nuove funzionalità innovative】 Allarme...

Come scegliere il saturimetro: cosa valutare prima dell’acquisto

Ecco alcune delle caratteristiche che occorre valutare prima dell’acquisto in modo da essere sicuri di aver scelto il modello giusto per le proprie esigenze.

Facilità di lettura e schermo

Visto che spesso il saturimetro viene utilizzato da persone anziane e/o malate, prima dell’acquisto, è bene valutare anche funzionalità che possono incidere sulla comprensibilità e l’utilizzo del prodotto: più è facile da leggere e più sarà facile da comprendere.

E’ importante quindi valutare il livello di risoluzione dello schermo e le sue dimensioni, oltre all’illuminazione e i colori. Chi ha problemi di vista, ad esempio, potrà optare per uno schermo più grande e ben illuminato: se poi è anche dotato di diversi colori per mostrare i diversi dati, risulterà ancora più leggibile e comprensibile.

La nostra Scelta
Wawech 3 in 1 Saturimetro Professionale Pulsossimetro da...
  • 【Preciso e affidabile】 Con la tecnologia...
  • 【Facile da usare】 Il design con un solo...
  • 【Risparmio energetico intelligente】 Struttura...

Memorizzazione dei dati

Oltre all’aspetto, anche anche altri fattori possono influenzare l’acquisto perché possono rendere più o meno facile l’utilizzo. Ad esempio non tutti i modelli permettono di memorizzare i dati della misurazione: quindi, chi avesse bisogno di confrontarli necessiterà di quei modelli dotati di una memoria estesa.

Misurazione continue

Inoltre alcuni modelli permettono misurazioni continue nell’arco di 24 ore, ma sono consigliati solo a chi soffre di patologie che devono essere monitorate costantemente. Alcune funzionalità accessorie, invece, possono essere il Bluetooth e la possibilità di connettere il prodotto al pc per poter scaricare i dati.

I migliori Saturimetri

Non ci sono marchi molto conosciuti quando parliamo di saturimetri: alla fine si tratta di apparecchi molto semplici, dal costo non impegnativo, che vengono distribuiti anche da brand non conosciuti nel settore sanitario. E quindi, la domanda è: ma sono comunque affidabili? Si, quelli che vi segnaliamo noi. Eccoli.

offerta1° in classifica Saturimetri
AFAC Saturimetro Ossimetro Pulsossimetro Da Dito...
  • Preciso – Il monitor di saturazione...
  • Misurazione rapida e facile da usare: tutto quello...
  • Ampia gamma di misurazioni e applicazioni: gamma...
2° in classifica Saturimetri
AUA Pulsossimetro da Dito, Saturimetro da Dito Portatile...
  • Multi-funzioni: misura la frequenza del polso in...
  • Display avanzato: Display OLED 6 diverse modalità...
  • Nuove caratteristiche di allarme: segnale acustico...
offerta3° in classifica Saturimetri
Ossimetro da Dito,Pulsossimetro da Dito Professionale,...
  • ✅ 【FDA/CE/ISO, approvato】Certificato da CE,...
  • ✅ 【Cardiofrequenzimetro SpO2】 Misurazione...
  • ✅ 【AI Intelligent Lower Power Chip】 La...
4° in classifica Saturimetri
Wawech 3 in 1 Saturimetro Professionale Pulsossimetro da...
  • 【Preciso e affidabile】 Con la tecnologia...
  • 【Facile da usare】 Il design con un solo...
  • 【Risparmio energetico intelligente】 Struttura...
5° in classifica Saturimetri
Saturimetro Da Dito, Pulsossimetro Professionale con...
  • 【Misurazione Rapida & Accurato】Saturimetro...
  • 【Letture Immediate】Basta inserire la dito nel...
  • 【Applicare Ampiamente】Questo pulsossimetro da...
offerta6° in classifica Saturimetri
KKmier Saturimetro Pulsossimetro da Dito 3 in 1, Ossimetro...
  • 【Ossimetro Professionale 3 in 1】 Il nostro...
  • 【Ampio Utilizzo】 Il saturimetro professionale...
  • 【Spegnimento Automatico e Lunga Durata della...
offerta7° in classifica Saturimetri
Saturimetro da dito sensore di saturazione di ossigeno e...
  • CCURATO E AFFIDABILE- questo ossimetro può...
  • FACILE DA USARE - Fare una lettura è facile,...
  • LETTURA CHIARO: Dotato di schermo LED
offerta8° in classifica Saturimetri
PULOX PO-200 solo pulsossimetro sensore di saturazione di...
  • Saturimetro da dito
  • Ideale per controllo quotidiano di SpO2 e polso
  • Design compatto, Misura affidabile

Altre domande frequenti

Quale saturimetro per le apnee notturne?

Chi soffre di apnee notturne potrà fare riferimento ai saturimetri da polso che si collegano anche alla punta dell’indice: questi riescono a monitorare costantemente l’andamento della saturazione nel sangue.

Ci sono modelli di saturimetro per neonati?

Si, ci sono modelli più piccoli anche per neonati, ma potrete comunque usare quello che avete, ovvero quello da adulto. Quindi, invece di misurarlo sulle dita della mano, mettete il saturimetro sull’alluce.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)