Forno a microonde economico: i migliori sotto i 100 €

Forno a microonde
Semplici e pratici da utilizzare: ecco i migliori fornetti a microonde, economici ma funzionali

Il forno a microonde è uno di quegli elettrodomestici che non possono mancare in una cucina moderna. Funzionale, pratico, facile da usare: difficilmente si trovano aggettivi negativi per i forni a microonde. Possono scaldare, cuocere, scongelare. E il tutto in poco spazio.

Che scegliate un modello iper tecnologico di ultima generazione con display touch o un forno a microonde con funzioni base, siamo certi che, in ogni caso, diventerà il vostro alleato in cucina. Vediamo pregi e difetti dei modelli base economici free standing e tutte le caratteristiche da considerare prima dell’acquisto.

Forno a microonde: com’è fatto

Misure e dimensioni

Come detto, qui parliamo di quelli ad installazione libera, non a incasso. Esteticamente i forni a microonde si somigliano un po’ tutti. Sono creati appositamente per occupare poco spazio sui ripiani da cucina sempre più “minimal”.

Le misure dei forni a microonde sono alquanto standard: meno di 45 cm di lunghezza, circa 27/30 cm di profondità e 32/35 cm di altezza. Presentano uno sportello collocato sulla parte anteriore che si apre da destra verso sinistra: nella parte laterale destra sono collocati i tasti per il funzionamento del prodotto. Proprio tali tasti e le funzioni associate sono le caratteristiche che variano molto da modello a modello, soprattutto nei modelli top di gamma.

Forno a microonde
Semplici e pratici da utilizzare: ecco i migliori fornetti a microonde, economici ma funzionali

Come funziona un forno a microonde?

Pregi

I forni a microonde cuociono i cibi utilizzando delle onde elettromagnetiche che non riscaldano direttamente i cibi, ma provocano un movimento delle particelle interne dell’alimento che lo portano a definitiva cottura. La cottura è determinata dalla quantità di acqua presente all’interno dell’alimento: una volta che tutto il liquido è evaporato, il cibo comincerà a prendere la sua coloritura finale.

Proprio per questo motivo le vivande all’interno del microonde non superano i 100°C. Un altro dato che va ad incidere sulla velocità di cottura dell’alimento è la potenza in Watt: da notare che nei forni più economici si parte da un minimo di 700 W, quindi la cottura sarà leggermente più lenta rispetto a quelli con potenza maggiore.

La cottura a microonde è considerata tra le più salutari, perché conserva la maggior parte dei valori nutritivi presenti negli alimenti e ne esalta i sapori. Inoltre è consigliata per tutti quei cibi che contengono molti liquidi come brodi, verdure, pesci, marmellate: più liquido sarà contenuto all’interno dell’alimento e più veloce risulterà la cottura. La caratteristica principale dei forni a microonde è proprio la riduzione dei tempi di cottura. Caratteristica che spesso ce li fa preferire a quelli tradizionali.

Un altro punto a favore del microonde è che non richiede preriscaldamento: basta inserire il cibo all’interno del forno, scegliere la potenza della cottura e in pochi minuti l’alimento è pronto per essere mangiato. Tutto così piacevole? No. Vediamo perché.

Difetti

A differenza dei forni tradizionali, la cottura dei forni a microonde è condizionata da diversi fattori: è importante la temperatura iniziale, la quantità di cibo, la sua densità. Più il cibo sarà denso e compatto più tempo impiegherà per cuocere.

Questo perché le microonde penetrano con difficoltà nei cibi densi o che hanno un diametro ampio, allungando i tempi di cottura. Inoltre se con i forni tradizionali è possibile arrostire, cuocere fritture da forno e grigliare, con il forno a microonde si è limitati a cotture come il bollito, il vapore e la cottura in umido, certamente molto salutari, ma talvolta poco saporite.

Vogliamo precisare anche che i forni a microonde non sono adatti per cuocere prodotti a base di farina o di uova: nel primo caso rischiereste di avere un effetto “colloso”, visto che le onde compattano le proteine all’interno della farina, mentre per le uova potreste avere un effetto “bollito”, quindi decisamente troppo cotto nel caso di creme e budini.

Come si usa il forno a microonde

I tasti utili per impostare la cottura si possono riassumere in due categorie: un tasto imposta la potenza di cottura e l’altro serve per impostare il tempo di cottura e la modalità di cottura degli alimenti. Partendo dal presupposto che la cottura a microonde non è mai molto uniforme, è importante impostare la modalità di cottura degli alimenti, per ottenere una cottura più omogenea: in questo modo il forno doserà la potenza in rapporto al tipo di alimento.

Le altre funzioni utili sono quella per scongelare gli alimenti e la cottura “grill”, non presente su alcuni modelli, ma soltanto su quelli combinati e alquanto utile se si vuole dorare gli alimenti.

Regole base per le microonde

Tasti e funzionalità a parte, ecco le regole di base per usare al meglio un forno a microonde:

  • Non va utilizzata la carta stagnola o l’alluminio
  • Le pirofile e i contenitori vanno coperti con pellicola apposita per microonde, da bucare in qua e in là
  • I contenitori devono essere adatti al microonde e non vanno inseriti chiusi: il coperchio deve stare semi aperto oppure vanno coperti con la pellicola apposita
  • Si può inserire la carta da forno (compresi i pirottini per i dolci), spiedini e spago da cucina

Quali alimenti sono adatti per la cottura a microonde?

Una volta apprese le regole, ecco gli alimenti che meglio si prestano per una cottura a microonde:

  • Gli alimenti con la buccia vanno spellati e le uova non sono molto adatte per la cottura a microonde perché andrebbero inserite senza guscio.
  • Brodi, salse, verdure e tutti alimenti che contengono una grande quantità di acqua
  • E’ l’ideale per far scoppiettare e preparare i pop corn
  • Vi si possono cuocere le castagne e tostare la frutta secca
  • Perfetto per sciogliere gli ingredienti per i dolci come il burro o la cioccolata
  • E lo sapete che si può utilizzare anche per sterilizzare i vasetti di vetro (ovviamente senza coperchio)?

Prezzo medio dei forni a microonde

Il prezzo del forno a microonde varia in base alla potenza di cottura, alle funzionalità offerte e alle modalità di cottura che si possono selezionare. Vediamo le varie fasce di prezzo nell’ambito dei fornetti base di gamma:

  • Fascia economica: al di sotto delle 70,00 € si trovano modelli con funzionalità di base, potenza non maggiore di 700 Watt
  • Fascia media: tra 70,00 e 120,00 € ci sono modelli combinati con tante funzionalità accessorie e una potenza di almeno 900 Watt
  • Fascia alta: oltre le 120,00 € si trovano forni a microonde top di gamma con potenza di 1000 Watt

Forno a microonde più economico

Oggi in OffertaScelta Convenienza
Candy CMW2070M Microonde, 20 litri, 700W, colore bianco
  • Forno a microonde 20 litri
  • Potenza 700W
  • Meccanico con 2 manopole

Come scegliere un forno a microonde: cosa valutare prima dell’acquisto

Potenza

Probabilmente la potenza è una delle prime caratteristiche da valutare prima dell’acquisto: più Watt ha il forno e più velocemente potrete cuocere i vostri alimenti. I forni con funzionalità di base hanno una potenza di 700 Watt, mentre se volete un forno potente, non scendete sotto ai 900 Watt.

La potenza di cottura a microonde va di pari passo anche con la cottura Grill: i watt di questo tipo di cottura sono sempre maggiori rispetto alla cottura classica. Ad esempio per un forno con 900 Watt di potenza, la potenza per la cottura Grill sarà intorno ai 1500 Watt.

Funzionalità

Le funzionalità di un forno a microonde sono altre caratteristiche che possono incidere sulla scelta finale di questo elettrodomestico. Le funzionalità di base sono la cottura a microonde, lo scongelamento e, nel caso di un forno combinato, anche la cottura grill.

I forni più completi e moderni, invece, hanno più modalità di cottura come la possibilità di cucinare pietanze salutari, la funzione lievitazione per preparare la pasta, la funzione yogurt, e la modalità ECO per preparare i propri piatti senza consumi eccessivi.

Da incasso o no?

I forni da incasso sono specifici da inserire all’interno del mobilio della propria cucina: si tratta di modelli leggermente più grandi rispetto a quelli free-standing, con dimensioni standard di 60 cm di larghezza e 30 – 35 cm di altezza.

I modelli non da incasso o free-standing hanno, quindi, dimensioni più contenute e di conseguenza una capacità (in litri) minore. Spesso questi modelli si appoggiano su un ripiano della cucina o su supporti appositi, ma va comunque sistemato ad almeno 5 cm dalle pareti o dal mobilio circostante. Quindi, la scelta dipenderà molto anche dallo spazio che avrete in cucina.

Oggi in OffertaLa nostra Scelta
Candy CMG2071DS Microonde 20L, 700W, Argento
  • Semplice da utilizzare, adatto ad ogni età
  • Interfaccia digitale intuitiva con orologio e...
  • Sicuro grazie alla funzione blocco bambino

Forno a microonde combinato o classico?

Dipende da come siete abituati a trattare e a cuocere i cibi. Il forno a microonde combinato è certamente più completo di un forno classico. Oltre alle tradizionali funzionalità del forno a microonde potrete contare sulla funzione crispy e su quella grill, da combinare alla funzione ventilata che permetterà una cottura più omogenea dei cibi, grazie all’azione della ventola che diffonde il calore uniformemente all’interno del forno.

Capacità e spazio interno

La capacità in litri può essere un’altra caratteristica da prendere in considerazione, soprattutto nel caso di una famiglia numerosa che necessita di più spazio per cuocere una quantità maggiore di cibo. La maggior parte dei modelli ha una capacità di 28 – 30 litri, mentre i modelli pi capienti possono arrivare fino a 35 litri.

Se necessitate di molto spazio, optate per quei modelli che offrono la possibilità di estrarre il piatto interno per potervi inserire anche casseruole o pirofile rettangolari ed ottenere lo stesso tipo di cottura omogenea.

Display Touch

I modelli più moderni sono dotati non di manopole, ma di display touch. Il display vi permetterà di selezionare più precisamente la potenza e il tempo di cottura.

I migliori forni a microonde

Tra le marche più conosciute si trovano i forni a microonde prodotti da Samsung, Candy, Panasonic, tutti e tre brandi di assoluta qualità.

offerta1° in classifica Forno Microonde
Candy CMG2071DS Microonde 20L, 700W, Argento
  • Semplice da utilizzare, adatto ad ogni età
  • Interfaccia digitale intuitiva con orologio e...
  • Sicuro grazie alla funzione blocco bambino
offerta2° in classifica Forno Microonde
Candy Microonde CMXG20D - Grill e App Cook-in, 20L, 40...
  • Cook-in App: applicazione per smartphone e tablet...
  • 40 programmi automatici, compresi quelli dedicati...
  • Possibilità di disattivare i principali suoni del...
offerta3° in classifica Forno Microonde
Candy CMXG 22 DS Forno Microonde con Grill, 22 Litri,...
  • Cook-in App: applicazione per smartphone e tablet...
  • 40 programmi automatici, compresi quelli dedicati...
  • Possibilità di disattivare i principali suoni del...
4° in classifica Forno Microonde
Samsung MG23F302TAK Forno Microonde Grill, 23 Litri, 800 W,...
  • Ricette pre-impostate: cucina una gran varietà di...
  • Grill: come tocco finale, regala una doratura...
  • Un forno pulito: tutti I forni Samsung hanno...
offerta5° in classifica Forno Microonde
Candy CMXG20DR Microonde con Grill e App Cook-in, 20 Litri,...
  • Cook-in App: applicazione per smartphone e tablet...
  • 40 programmi automatici, compresi quelli dedicati...
  • Possibilità di disattivare i principali suoni del...
offerta6° in classifica Forno Microonde
Candy CMW2070M Microonde, 20 litri, 700W, colore bianco
  • Forno a microonde 20 litri
  • Potenza 700W
  • Meccanico con 2 manopole
offerta7° in classifica Forno Microonde
Samsung MG23K3515AW Forno Microonde Grill Combinato, 23...
  • La funzione Browning Plus ti consente di avere...
  • Scegli tra una vasta gamma di ricette tradizionali...
  • Con Healthy Cooking cucini pietanze gustose e...
offerta8° in classifica Forno Microonde
CANDY CMG 2071 M - Microonde con grill 20L 700W, Potenza...
  • Combinato microonde e funzione grill
  • Interfaccia digitale intuitiva con tasto start...
  • Sistema sicuro grazie alla funzione blocco bambino

Altre domande frequenti

La cottura a microonde fa male?

Infine vogliamo sfatare il mito che il forno a microonde fa male, anzi che l’azione delle onde elettromagnetiche è negativa per il benessere del nostro organismo. Ci sono soltanto due curiosità che non tutti sanno, che sarebbe bene ricordare: in primis non si dovrebbe fissare l’interno del forno mentre è in funzione perché potrebbe causare danni al bulbo oculare ed inoltre le onde elettromagnetiche possono causare delle interferenze all’apparecchio dei portatori di pacemaker.

Come si usa il forno a microonde combinato?

Esattamente come il forno a microonde classico: invece della funzione a microonde, basterà selezionare la funzione grill o crispy, scegliere il tempo di cottura e inserire gli alimenti.

Come pulire il forno a microonde?

Pulire il forno a microonde è semplice e veloce: basterà inserire una ciotola di acqua a cui si deve aggiungere un cucchiaio di aceto bianco. A questo punto basterà azionare il forno alla massima potenza per cinque minuti. Togliete, quindi, la ciotola e passate della carta assorbente su tutte le superfici del forno: scommettiamo che sarà bello pulito?

Come togliere l’odore di bruciato dal forno a microonde?

Per togliere eventuali odori di bruciato inserite un limone nel forno a microonde e azionatelo: dopo cinque minuti pulite con della carta assorbente tutte le pareti del forno.

Chi ha inventato il forno a microonde?

Percy Spencer nel 1945 ha scoperto per caso la cottura a microonde, mentre stava progettando tutt’altro, ovvero un magnetron per apparati radar.

E voi, quale forno a microonde avete scelto?

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)