Home » Sistemi Caffe » Capsule compatibili “Caffè dal Mondo”: come sono

Capsule compatibili “Caffè dal Mondo”: come sono

Capsule compatibili "Caffè dal Mondo"
Ecco le capsule compatibili "Nespresso" e "Lavazza a Modo Mio" di: Caffè dal Mondo


Abbiamo assaggiato per voi tutte le capsule compatibili di una nuova marca, Caffè dal Mondo, per adesso reperibili online tramite il loro sito web www.capsule-compatibili.it e certamente a breve anche sui marketplace come Ebay.
Quello delle capsule compatibili è un mercato in fortissima espansione, grazie alla crescente diffusione delle macchine per caffè a capsule e al… costo sempre maggiore delle cialde originali. Le nuove marche nascono continuamente e orientarsi sta diventando un po’ difficile, ecco perché è importante avere qualche feedback come questo.

Capsule compatibili "Caffè dal Mondo"
Ecco le capsule compatibili “Nespresso” e “Lavazza a Modo Mio” di: Caffè dal Mondo

Fino a qualche anno fa, tutti i caffè compatibili erano, diciamolo chiaramente, quasi imbevibili… oggi per fortuna le tecniche si sono affinate e anche tra i prodotti non originali si possono trovare buone miscele a prezzi interessanti. I motivi per cui oggi si dovrebbero scegliere delle capsule compatibili sono sostanzialmente due:

  1. Risparmio
  2. Scelta di nuove miscele di caffè

Partiamo da primo aspetto: le capsule di Caffè nel Mondo vengono proposte con una formula interessante con costo a scalare: ordinandone solo 100 si pagheranno 29,00 euro (0,29 euro a capsula), mentre alla quantità massima di 1.000 si ha un prezzo per capsula molto buono di soli 0,19 euro, circa la metà di una capsula Nespresso originale! La spedizione è gratuita anche per gli importi minimi, c’è solo un supplemento di 4,00 euro per l’eventuale contrassegno, e anche questa è una cosa positiva.

Per quanto riguarda il secondo aspetto, la scelta delle miscele di questa marca è in crescita ma già abbastanza ampia. Hanno scelto di suddividerle per colori e di adottare una classificazione di intensità sulla falsariga di quella utilizzata da Nespresso. Abbiamo quindi:

  • Argentovivo – intensità 12
  • Nera – intensità 11
  • Rossa – intensità 8
  • Oro – intensità 7
  • Nocciola – intensità 7
  • Decaffeinato – intensità 6

Le miscele sono disponibili sia nel formato Nespresso che in quello Lavazza a Modo Mio (per questa ultima mancano per ora Argentovivo e Nocciola) e si presentano confezionate una ad una in una bustina evidentemente in atmosfera protetta.
La scelta del confezionamento singolo è dettata dalla scelta, alquanto diffusa, di non utilizzare capsule sigillate bensì chiuse nel lato superiore e aperte in quello inferiore, che presenta una sorta di filtro in plastica. Dal filtro l’area passa e questo consente di odorare l’aroma del caffè prima di inserire la capsula, un aspetto molto piacevole e coinvolgente ormai introvabile nelle capsule originali. E’ evidente però che per preservare l’aroma, è necessario confezionare una ad una le capsule in buste sigillate. Purtroppo, sarà meno agevole stivare le capsule in dispensa, dato che occupano molto più spazio e soprattutto non sarà possibile utilizzare i diffusi porta-capsule appositamente progettati per quelle originali.

Un’altra cosa che si nota è un design globalmente poco accattivante e poco personalizzato. Il logo è poco moderno e le capsule non hanno scritte, con il risultato che si debbono ricordare le intensità dei vari colori.

Ma veniamo alla prova assaggio.
Per testare le capsule Nespresso abbiamo utilizzato la macchina top di gamma, la Krups Maestria, mentre per Lavazza a Modo Mio abbiamo usato la sempre efficiente Saeco Piccina.
In entrambi i casi si nota che le capsule faticano un poco per essere inserite, ma niente che non si possa superare con un po’ di abitudine. Il caffè scende apparentemente in modo troppo veloce, questo lo abbiamo riscontrato per tutte le capsule e in misura maggiore in quelle di minore intensità.
Il risultato conferma i “sospetti” iniziali: il caffè è buono, ma più leggero rispetto alle intensità dichiarate. Nera e Rossa, che sono due delle miscele principali, hanno un ottimo aroma ed un buon equilibrio, nessun sapore di “bruciato” tipico di alcune compatibili di bassa qualità, una schiuma alta ma poco densa, ed una intensità più che sufficiente ma più paragonabile ad un 6-7 nella “scala Nespresso”. Argentovivo è invece decisamente più corposo e può rivaleggiare con, ad esempio, “Roma” di Nespresso, anche come aroma pieno a appagante per gli amanti del caffè deciso. Oro e Nocciola sono risultate più deboli, adatte agli amanti del caffè leggero. Il decaffeinato è stata una piacevole sorpresa: l’odore della miscela ed il sapore senza difetti lo pongono su livelli ottimi, spesso superiori a molte miscele “dek” dei bar.

In definitiva, il voto è ampiamente sufficiente e vi sono anche margini di miglioramento, ad esempio perfezionando la macinatura probabilmente i risultati potrebbero anche essere migliori senza variare le miscele.

In conclusione, riteniamo che queste capsule siano sicuramente un prodotto da provare, ed una scelta convenientissima per i grandi consumatori che possono “impegnarsi” con un ordine consistente, in modo da sfruttare il basso prezzo per gli ordini di 1.000 cialde.


2 commenti

VUOI SCRIVERE ANCHE TU? A FINE PAGINA TROVI IL MODULO COMMENTI, OPPURE REPLICA AI MESSAGGI
  1. Nancy

    Ho comperato un kit assaggio compatibile Lavazza con 5-6 tipi di caffè diversi, anche arabica e dire che sono una “ciofeca” è poco, meglio che sono un vero e proprio attentato alle papille gustative, ovvio, per chi ancora gli funzionano e per chi soffre di gastrite perchè dopo qualche minuto si piega in due.
    Vi sono qualità arabiche acide, come robuste amare come il fiele, certe annate riescono male ad alcuni produttori di caffè e quasi lo regalano tanto sarebbe da buttare, e secondo me, invece finisce in molte compatibili anche italiane per la legge della competitività. Sono miscele che abbisognano di quintali di zucchero disciolte nella tazzina altrimenti non gliela fai a mandarle giùi. Il vero caffè pregevole e di alta qualità. che sia tutto arabica o miscelato con una percentuale di ottima robusta si può bere anche senza zuccheri aggiunti, ha un profumo, un aroma ed un retrogusto che non si fa dimenticare facilmente e gli basta una puntina di dolce per esplodere in tutta la sua bontà.

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      Eh si, tante compatibili non sono granchè, ma ce ne sono anche di buone.

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)